ossessionata-dai-libri

Beatrice | 13 years old | single

A volte ti chiedo di fare una foto insieme, e neanche ci mettiamo in posa, perchè tu inizi a baciarmi e della foto ci dimentichiamo. Quando sei a casa mia non fingo di essere posata, mi comporto come sempre e mi faccio gli affari miei, a volte ti lascio solo in camera e quando torno mi sorridi, e allora si fa l’amore. Quando usciamo io cammino sempre sul marciapiede facendo attenzione a non cadere, tu no. Tu stai sulla strada e mi tieni per mano, come per proteggermi. Facciamo la lotta sul letto, tu a petto nudo e io in reggiseno. E si disfano le coperte, ma noi no. Poi ti appoggi sul cuscino, e io sopra di te. E ti dico che sento il tuo cuore battere e tu ridi. E io rido. E mi dici che sono rumorosa, quando rido. E mi dici che è il rumore più bello. Io ti prendo in giro e tu mi tiri l’elastico del reggiseno. Io ti mordo le braccia. Tu mi fai il solletico. E io ti do i pizzicotti. E si ride. Insieme. Che è la cosa più bella. Quando siamo fuori con gli altri, c’è buio. E fa freddo. Io ho la sigaretta tra le labbra. E tu mi sgridi. Perchè le mie labbra le vuoi tutte per te. Quando faccio la stronza mi mandi al diavolo. Allora mi siedo lontano da te e faccio la seria. Tu stai in silenzio a guardarmi. Poi mi prendi per la vita, la stringi e mi dici che giá ti manco. Quando siamo sul divano e guardiamo la tv, io la guardo, tu guardi me. Quando parli seriamente t’interrompo perchè hai gli occhi più belli di tutti e devo fartelo sapere, che c’è il mare dentro. Quando facciamo gli stupidi, io scappo e tu mi rincorri. Poi mi prendi e mi butti a terra perchè non vuoi che ti stia lontano nemmeno per due minuti. Quando scoppia il sorriso sulla tua faccia, giuro che il mio cuore si ferma. Io rimango senza fiato e non sento più quello che dici. E allora ti bacio. A casa tua andiamo in quella stanza vuota con tante porte, dove bisogna abbassarsi per non sbattere contro il soffitto. E tuo fratello spegne la luce. E tu sai che ho paura del buio, e allora stringi la mia testa sul tuo petto e mi dai un bacio sulla fronte. A volte mi guardi e non dici nulla. T’incanti e io ti amo un po’ di più. E mi spingi contro il muro. E inizi a baciarmi. Forte. E mi stringi. E stiamo a bocca aperta, con il respiro che si affanna. Io ti bacio il collo e tu mi baci il seno. E io ti metto le mani tra i capelli. E ci guardiamo negli occhi che lacrimano di gioia. E allora siamo felici. Quando c’é l’amore.

quelmareciavevafregato:

mai letto niente di più bello.

(Fonte: cercaminelvento)

http://fuoriunmurodentromacerie.tumblr.com/post/97071534547/vieni-da-me-oggi-i-miei-sono-fuori-e-ho-casa

fuoriunmurodentromacerie:

Vieni da me, oggi.

I miei sono fuori e ho casa libera, possiamo stare soli per un po’,tranquilli. Vieni da me, io ti accolgo magari con solo un asciugamano attorcigliato attorno al corpo, con la pelle ancora umida e i capelli gocciolanti per aver fatto la doccia apposta poco prima che arrivassi…

Non ti aspetto più.
Non sei più la prima cosa che mi viene in mente quando la mattina apro gli occhi e mi ritrovo a fissare il soffitto, non sei neanche la seconda o la terza.
Non aspetto più che mi squilli il telefono, non spero che sul display appaia il tuo nome, e non resto più sveglia tutta la notte a immaginare come sarebbe stato se le cose sarebbero andate in modo diverso. Non aspetto più un tuo gesto, non aspetto più te.
(via heyitslion)
abbraccinfiniti:

E urlerò al mondo che ti amo, proprio tanto, come io amo le patatine con tanto sale.
E ti regalerò i pacchetti di sigarette, così penserai a me quando le fumerai. 
E poi ti porterò al mare, d’inverno, d’estate, in autunno e in primavera, così vedrai il mare in tutte le stagioni.
Ti porterò nel mio posto, ti terrò al sicuro, ti bacerò la fronte come fa mia mamma prima di andare a letto.
Ti terrò la mano.
Ti farò ridere fino alle lacrime.
Ti farò felice.
E non mi stancherò di urlare al mondo che ti amo, proprio tanto, proprio da vivere.
Si può amare qualcuno, e odiare quello che ha fatto.(via semieterno)